Elena Cecconi

Elena Cecconi - ELENA CECCONI

Elena Cecconi flutist, performer, teacher

Look inside at all news, dates, pictures, reviews, repertoire, meetings and Skype lessons

NEXT CONCERT/EVENT

June 26 2016 Castelnuovo Bocca d'Adda ( LO ) - ITALY 

Associazione VivAmbiente Onlus - Flute Soul 

Giornate di valorizzazione del Territorio - Heritage Days 

Giardini di Palazzo Stanga 4:00 pm

Flute and harp recital " Arie d'Opera e Melodie indimenticabili"

Music of Donizetti, Bellini, Bizet, Mascagni, Tchaikovsky, Lehar, Bixio, Webber 

Elena Cecconi and Paola Devoti 

 

 

                                       **** **** ****

 

" .... So let me be thy choir, and make a moan upon the midnight hours; thy voice, thy lute, thy pipe, thy incense sweet from swinged censer teeming; thy shrine, thy grove, thy oracle, thy heat of pale-mouth'd prophet dreaming....." John Keats - from Ode to Psyche  

"... Sì, lascia sia io il tuo coro e il pianto alzato per la tua mezzanotte, lascia sia io la tua voce, il tuo liuto, il tuo flauto, il tuo incenso squisito che fuma dal turibolo scosso, il tuo santuario, il tuo bosco, il tuo oracolo e l'ardore di un profeta sognante dalla pallida bocca....." J.Keats - da Ode a Psiche

                                     ☆☆☆☆☆☆☆

 

Elena is Urania Artist.

Elena plays a Haynes Flute gold 14 K belonged to Severino Gazzelloni with  LEFREQUE Solid Silver Gold Plated 41mm

http://www.suona.it/artisti-SUONA-IT-s/102.htm

http://www.suona.it/lefreque-testimonials-s/222.htm

www.uwww.uraniarecords.com 

www.facebook.com/elena.cecconi.54

 

 

 

  

NEXT CONCERT/EVENT - ELENA CECCONI

5 stars reviews

Elena plays Kuhlau - URANIA RECORDS - Leonardo col

 READ ALL THE REVIEWS IN PRESS PAGES

Here some extracts:

 

"Lo Spazio è le sue profondità, il suo rapporto con l'uomo, dominano il programma e soprattutto lo spirito di questa incisione (....) Così il viaggio di Elena Cecconi e Tim Carey diventa viaggio nel tempo (....) in una fantasmagoria di immagini e sensazioni : dalla visione lussureggiante di colori fluidi e densi con cui è reso il Prelude de bussano al senso di sospensione del tempo che permea l'andare tranquillo di "Undine" (Reinecke) nel quale questa lettura colloca il centro espressivo dell'intera Sonata; passando per un Chant de Linos (Jolivet) la cui sacralità e risolta nel segno di una danza rituale via via più sfrenata, sensuosa, liberatoria. - Luca Rossetto Casel

MUSICA 274 - March 2016  CD review "Sognando lo Spazio" Elena Cecconi flauto Tim Carey piano - Urania records - // ☆☆☆☆☆ 5 stars extraordinary CD

   

"... (....).... Sognando lo Spazio  è un disco quindi con una tracklist molto particolare, ben studiata dagli esecutori che è fruibile ad un pubblico ampio che va dal musicista professionista al semplice appassionato di buona musica. Eseguito da due artisti importanti del nostro panorama musicale, la flautista Elena Cecconi e il pianista Tim Carey sin dal primo brano ci lasciano capire quanto siano affiatati musicalmente. Nessuno dei due prevale sull’altro, gli strumenti sono sempre equilibrati e l’espressività che fuoriesce da questo disco ti lascia quasi a bocca aperta. Una volta iniziato ad ascoltarlo devi arrivare sino in fondo."

Sognando lo Spazio, Elena Ceccon8 e.Tim Carey, pubblicato per Urania Records è disponibile sulle maggiori piattaforme digitali e in formato fisico nei migliori negozi di dischi.Info: http://www.uraniarecords.com/wordpress/?p=1511

Blog della Musica 15-01-2016 - read the complete review here http://www.blogdellamusica.eu/sognando-lo-spazio-elena-cecconi-tim-carey/ 

Ferrara Italia 03-04-2016 http://www.ferraraitalia.it/elena-cecconi-sognando-lo-spazio-85416.html?utm_campaign=shareaholic&utm_medium=facebook&utm_source=socialnetwork

 

" A partire dall’immagine di copertina, passando per le note del libretto, fino all’incisione vera e propria, tutto rivela in questo disco la manifestazione di un progetto coerente, articolato, curato con dedizione in ogni suo aspetto. Elena Cecconi torna all’amato repertorio per flauto solo (gia`affrontato nel CD Discantica recensito su MUSICA 218): oggetto della sua attenzione è la musica di Friedrich Kuhlau. Nelle letture proposte la flautista porta in superficie, tra le pieghe di un linguaggio incline alla veemenza espressiva piu`accesa, un melos di belcantistica purezza. E rilevando nei contorni, percorrendone gli snodi, rende chiaramente percepibili le trame polifoniche implicite nella scrittura con una concretezza di tangibile evidenza, un senso di tridimensionalità che ingannano e seducono l’ascolto, catturato nel gioco di specchi di un illusionista. Qui, pero', non c'è trucco; c'è sensibilità per il colore, sfumato in un caleidoscopio d’inflessioni sempre nuove a illuminare il profilo nobilmente cesellato delle frasi di riflessi cangianti, a rivelare il mobile chiaroscuro che ne anima la curva dolce e flessuosa. " Luca Rossetto Casel

MUSICA 265 - Aprile 2015 - recensione CD " KUHLAU Fantasie e Divertimenti" per flauto solo -Flauto ElenaCecconi - URANIA RECORDS // ☆☆☆☆☆ 5 stars - CD eccezionale

"Starting with the cover image, through the notes of the booklet, to the recording, everything in this CD  shows  a coherent project, structured, and pursued with meticulous attention in every aspects. Elena Cecconi returns to her beloved repertoire for solo flute (Solo flute- CD Discantica reviewed on MUSIC 218), focusing  now most of the Friedrich Kuhlau’s work. In the here proposed pieces the flutist brings to surface, among the folds of a language inclined to strong vehemence of expression, a melos of "bel canto" purity. Detecting the music’s contours, tracing its joints, she makes the polyphonic plots implied in the composition clearly perceivable. Such a mature performance communicates a concreteness of tangible evidence, a three-dimensional vision, that deceives and seduces the listener, caught in the game of mirrors of an illusionist. Here, however, we can’t find any trick;  just sensitiviteness for colors, faded into a kaleidoscope of always new inflections, illuminating the nobly chiseled profile of each phrase, changing reflections, revealing the moving "chiaroscuro" that animates the gentle and supple curve." Luca Rossetto Casel 

MUSICA 265 - April 2015  CD review "KUHLAU Fantasie e Divertimenti" for flute solo -Flute ElenaCecconi - URANIA RECORDS // ☆☆☆☆☆ 5 stars - Extraordinary CD

 

"Flute & piano in concert" is like a musical tale rich of charm and mistery.....The voice of Elena Cecconi is one of the most personal, interesting and recognizable in the flute view of the last years....an open, clear sound ready to tone down  into several expressive feelings and colours also by an impeccable digital technique.... Her lively imagination outlines a bright, ductile singing, but without excesses; the clean and well-finished sound, the definite and incisive musical phrases,  but soft  in the line, are always serving the Music meaning.

" Musica n. 228 July/August 2011 - "Flute & Piano in concert " CD review // ***** 5 Stars : extraordinary CD "

 

" Si dipana come un racconto, ricco di fascino, piccoli e grandi misteri, l'avventura di questo "Flute and Piano in concert"....Quella di Elena Cecconi si conferma una delle voci più personali, interessanti e riconoscibili del flautismo dei nostri anni. Un timbro di base chiaro e aperto - pronto però a trascolorare e sfumare a seconda del clima espressivo - e una tecnica digitale impeccabile, sono poste al servizio di una fantasia musicale vivacisima, sotto la cui guida disegnano la linea di un canto luminoso e duttile. Senza eccessi: il suono resta sempre pulito e curato, le frasi definite e incisive, ma morbide nel tratto. "

Musica  n. 228 Luglio/Agosto 2011 - Recensione CD "Flute & Piano in concert" // ***** 5 stars: CD eccezionale"

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

" The sensuous charming fascination of the pure solo sound lives again through the flute of Elena Cecconi. A secret inspiration of melancholy, of austere tenderness is the feeling ....searching for a statuesque style with colours and nuances ...to find a superhuman voice..."

 

" Musica n. 218 July/August 2010 - Solo Flute CD review // ***** 5 Stars : extraordinary CD "

 

" E' il fascino sensuoso, ammaliante nella sua fragilità, di una voce nuda....che rivive ne flauto di Elena Cecconi. Una vena segreta di malinconia, d'una tenerezza austera, si fa strada nelle linee pure di un eloquio modellato in gesti di netta plasticità....a scavare un canto nascosto, sotterraneo nel flessuoso trascolorare degli sfumati.....plasmato su di una voce oltre l'umano...."

 

" Musica n. 218 Luglio/Agosto 2010 - Recensione CD Flauto Solo//***** 5 stars: CD eccezionale"

 

 - ELENA CECCONI

Reviews about Elena: - Hanno scritto di Elena:

Elena Flauto Solo - La Bottega Discantica

 

Reviews about Elena:

Hanno scritto di Elena:

(read more in "press")

 

" The flute and harp CD, with the pieces selected by Elena Cecconi and Paola Devoti, could be an duo ideal recital. Original compositions and transcriptions from late '800 to contemporary pieces ( Buss and Cataldo dedicated to the performers), all sharing  the same predominant evocative peculiarity......a dance of opulent sensuality, an intimate expression and communicative need.....the intensity is well expressed through a large palette of timbres and warm sounds with an excellent instrumental technique....."

 

" Musica n.208 July/August 2009 - Flute and Harp CD review: 4 Stars "

 

" Potrebbe essere quello d'un ideale recital per flauto e arpa quello messo a punto da Elena Cecconi e Paola Devoti per la presente incisione. Vi si ritrovano alternate composizioni originali e trascrizioni tra il tardo Ottocento e la contemporaneità (con due brani, quelli di Buss e Cataldo, dedicati alle interpreti ) ; tutte accomunate dalla predominanza di un carattere marcatamente evocativo......una gestualità accesa, plasticamente definita, animata da un'intima urgenza espressiva, comunicativa.... Un'intensità che s'accompagna ad una vasta tavolozza timbrica virata verso le tinte più calde e ad una resa tecnica eccellente......"

 

" Musica n.208 Luglio/Agosto 2009 - Recensione CD Flauto e Arpa : 4 Stelle "

 

"....Cadenze antiche, parafrasi, quadri musicali impressionistici, lirismo ed esotismo: un itinerario affascinante, percorso sotto la guida di un "flauto magico" dalle sonorità calde, morbide e fluide.....Un brano dopo l'altro Elena Cecconi, instancabile, è riuscita con il suo prestigioso virtuosismo e la sua delicata sensibilità a convincere e infine a conquistare gli ascoltatori che le hanno tributato applausi "in crescendo"....."

"Voce della Vallesina" / Aprile 2012

 

"....Elena Cecconi, nel concerto per flauto solo a Gazzuolo....è stato grazie alla sua personalità torreggiante, al fine senso di un fraseggio sempre arioso e cesellato, alla sovrana padronanza dello strumento anche nei passaggi più impervi, che questo concerto è stato una piccola rarità..." La Voce di Mantova 4 Novembre 2005

 

"...Duetti e Fantasie da sogno: La Variazione tra virtuosismi e vocalità....Notevole anche il lavoro di riduzione della partitura orchestrale per flauto e arpa, che è risultata decisamente interessante alla luce del ruolo che questi arrangiamenti hanno nell'integrarsi con la parte vocale.

Al flauto la Cecconi è un'interprete che riesce a coniugare incredibili vituosismi ad una morbidezza di suono con pochi eguali nel nostro Paese...."

Libertà 28 Giugno 2004

 

"...due sonate per flauto e clavicembalo di Jean Marie Leclair.....Uno stile fiorito ricco di galanterie e di briosi passaggi, che Elena Cecconi ha saputo assia ben evidenziare con il suo flauto d'oro, traendo da esso sonorità suadenti, espresse con garbata eleganza ed ammirevole pertinenza formale..."

Gazzetta di Parma 19 Marzo 2003

 

"....Elena Cecconi ha impressionato con il suono morbido ed espressivo del suo preziosissimo strumento (un flauto d'oro appartenuto a Gazzelloni) dal quale ha ricavato con sicura tecnica toni lirici ed acrobazie virtuosistiche...." Libertà 8 Marzo 2001

 

"...Dalla flautista Elena Cecconi....è venuto uno dei momenti più alti del concerto, l'esecuzione della pirotecnica Fantasia di Borne sulla Carmen di Bizet, proposta con abilità tecnica e morbidezza sonora..." La Provincia di Cremona 14 Novembre 1999

 

"...Elena Cecconi e Paola Devoti....un duo che non ha lesinato mai energie e bravure ad ogni intervento e che è stato giustamente premiato dai caldi applausi del pubblico..." L'Arena 11 Ottobre 1999

 

"....Ibert ed il suo concerto per flauto e orchestra.Una pagina di raro ascolto che ha trovato nella flautista elena Cecconi e in Gabriele Ferro due interpreti perfetti: c'era la graffiante, grintosa e incalzante incisività dell' Allegretto (che è come uno scorrere inarrestabile su un filo di pensiero e di tecnica preziosamente virtuosistico) resa con eleganza e fluidità; la riflessione tenera e pensosa dell'Andante, una pagina di intensa e dolce poesia; e infine la briosa e scintillante disinvoltura dell'Allegretto scherzando conclusivo. E il pubblico ha applaudito convinto a lungo ottenendo da Elena Cecconi un bis...." Giornale di Sicilia 25 Ottobre 1992

 

"...Due Temi Variati dall'op.107 di Beethoven, introducevano piacevolmente la Serenata op.41...in tale ampia e articolata pagina si imponevano le notevoli qualità musicali della Cecconi, nonché la sua sensibilità di interprete, che trovava pronto riscontro nella collaborazione pianistia di Giuranna...Impavida nell'affrontare i passaggi più virtuosistici, la flautista sapeva arricchire le esecuzioni di pregevoli momenti espressivi, frutto di una duttile sensibilità e di sagace approfondimento.La fusione appariva anche meglio realizzata nella Sonata op.94 di Prokofiev, della quale era assai ben definito il carattere stilistico graffiante, che non disperdeva la delicatezza lirica e le morbide preziosità del primo e del terzo movimento." L'Ora-Palermo 5 Giugno 1990

 

 

"....il concerto diretto da U.Benedetti Michelangeli...aveva nella Suite bachiana il momento di maggiore attrattiva grazie all'ottima interpretazione della flautista Elena Cecconi distintasi per precisione tecnica ma soprattutto per la sensibilità musicale espressa...." L'Ora-Palermo 14 Giugno1989

 

 

"...la flutista Elena Cecconi ha un bel suono, sempre fraseggiato con chiarezza, duttile nel colore..." Giornale di Sicilia 10 Giugno 1989

 

"...a metà concerto si è poi avuta una sorpresa. La scoperta di un autentico talento, Elena Cecconi, solista nel Concerto in re magg per flauto e orchestra k314 di Mozart. A parte il suono di rara sensibilità e purezza, eravamo dinanzi ad un personaggio di temperamento insolito"

Corriere della Sera 9 Luglio 1987

 

"...il Concerto per flauto e orchestra k 314...La solista Elena Cecconi ha confermato le sue eccellenti qualità musicali, intraviste ascoltandola nell'insieme orchestrale: possiede un suono brillante ed è stilisticamente precisa, in una dimensione lucida ed esente da smancerie "galanti". Ben rifinita da Soudant la partecipazione dell'orchestra...." 4 Agosto 1986

 

"...il Concerto k 314 di Mozart per flauto e orchestra, diretto da Hubert Soudant. Agilissima solista, Elena Cecconi ne ha disegnato un profilo di lucida nettezza, di bel volo nelle Cadenze e di ben rifinita fattura nella brillantezza della trama sonora...." Giornale di Sicilia 6 Agosto 1986

Chamber Music with   Clarinet
 
Pietro   BOTTESINI (1792-1874)
  Theme and Variations for flute, clarinet and string quartet [13:04]
  Divertimento for clarinet and string quartet [15:39]
  Aria from Rossini’s ‘Ciro in Babilonia’ for clarinet and guitar (arr. Luigi Magistrelli) [4:13] ........
  Luigi Magistrelli (clarinet);   Elena Cecconi (flute); Massimo Laura (guitar); Piermario Murelli   (double-bass)....... 
  rec. September   2004, April 2005, S. Stefano Ticino, Italy. DDD
       TALENT RECORDS DOM 2910 124 [64:51]

 

Every now and then along comes a disc of unfamiliar music, a ‘blind date’, where the initial sense of apprehension joyously transforms itself as a breath of fresh air. Enterprising independent Belgium label Talent Records have done it again with this recording of clarinet-led chamber music, from father and son Pietro and Giovanni Bottesini…..

Providing six scores on this release is the little known Italian composer Pietro Bottesini (1792-1874) who evidently was a clarinettist who performed in orchestras in the Milan area. Giovanni Bottesini, who is represented here by a single score, was born in Crema in 1821. From an early age Giovanni was taught music by his father Pietro and found fame as a double-bass virtuoso, being nicknamed the ‘Paganini of the double-bass’….

 I can inform the listener that these chamber scores, although attractive are lightweight compositions of the salon variety.

The opening score is Pietro Bottesini’s Theme and Variations for flute, clarinet and string quartet. In discernible sections this is brisk and sparkling music evocative of the atmosphere of village carnivals and country fairs. Remarkable is the virtuosity of the playing from exceptionally talented clarinettist Luigi Magistrelli and flautist Elena Cecconi……

I must also highlight the impeccable playing of flutist Elena Cecconi along with Piermario Murelli’s marvellous performance on the double-bass.....

Not indispensable by any means but a well performed and recorded disc of lightweight Italian bel canto instrumental music. A refreshing change.

Michael Cookson